Archivio | 18 maggio 2021

Il Kimono


DonnaD

PARTE 2

Il “kimono” è un indumento tradizionale Giapponese che veste una forma T, che abitualmente indossano le donne nubili, la veste è divisa in varie parti e ogni componente ha una sua storia e una sua usanza:

Fuorisode: E’ fatto di seta colorata o tinta unica, che letteralmente significa “Maniche svolazzanti”: “Furi” svolazzante e “Sode” maniche. Di solito viene indossato dalle donne nubili quindi che si “mostra disponibile” al matrimonio, oltre a questo può essere indossato anche durante La Cerimonia del Tè o matrimoni di parenti stretti. Di solito i Fuorisode sono molti costosi che molto spesso vengono affittati per i suoi costi elevati.

Obi: E’ una tipica “cintura” giapponese che ha molti stili diversi e sono indossate per ingrandire, abbellire o anche sorreggere vestiti, si può indossare anche con il kimono, l’Hakama e lo Yukata. Per il kimono ha una funzione di tenere unita la veste come decorazione e principalmente è fatto di seta, il materiale con il quale vengono cuciti tutti i vestiti.

Assieme al kimono, solitamente, sono abbinate delle scarpe, simili alle infradito e anche queste sono in vari stili:

Zōri Sono calzature simili al infradito che possono essere fatte in legno, paglia di riso, stoffa, legno laccato, pelle, gomma oppure di alti materiali asiatici, la stringa che tiene unito il piede alla calzatura si chiama Hanao.

Vivere Zen

Da donna:
questi sandali da donna vengono spesso usati per le cerimonie come i matrimoni o i funerali e sono fatti in vinile.

Da uomo:
quelli da uomo sono fatti con dei materiali che assomigliano alla paglia, come tipo il polistirolo, con le suole in sughero.

UTILIZZO:
Sono utilizzati con gli abiti tradizionali giapponesi, e vengono indossati con dei appositi calzini chiamati tabi. Ci sono diversi Zōri/sandali che non vengono usati con il kimono, hanno la suola di giunco che assomiglia al materiale dei materassini tatami e vengono utilizzati con abiti da lavoro oppure con abiti occidentali o casual o anche con degli indumenti tipici giapponesi.

Altri tipi di sandali sono i Geta che sono un ibrido fra gli zoccoli e gl’infradito e sono delle calzature con una suola in legno rialzata da due tasselli tenuta sul piede con due elastici che divide l’alluce e il secondo dito. La tavoletta di legno si chiama Dai (supporto), le due stringhe in tessuto si chiamano Hanao e i due tasselli sotto la suola di legno si chiama Ha (Denti) che sono anche loro in legno che quando si muovono fanno un particolare rumore chiamato Karankoron.

Dai: Può essere rettangolare oppure ovale che è più femminile, il colore può variare dal laccato, naturale o dipinto

Ha: Anche questa parte può variare e possono esserci addirittura tre tasselli, oppure i Tengu-geta un unico tassello al centro.

Hanao: Questi lacci possono essere di vari materiali e di vari colori, il colore stampato in Giappone è molto comune, è un sandalo che può assomigliare tranquillamente anch’esso ad un infradito, questi sandali li usano di solito le Maiko, le apprendiste Geishe, che abitualmente indossano le Okobo, che sono principalmente i loro sandali tradizionali

CARATTERISTICHE:
il kimono può essere di varie taglie e vengono adattati al tessuto, il kimono è formato principalmente dal Tan che è un pezzo di stoffa lungo trentacinque centimetri e lungo undici metri mezzo, per adulti, a differenza dei lottatori di sumo che indossavano kimono su misura. I kimono moderni sono cuciti e dipinti/decorati a mano con alcune tecniche in particolare come quella dello Shibori creata con lo stencil, poi c’è quella lo Yuzen che è un tipo di tintura creata con la pasta di riso. In generale sono creati con la seta o il broccato, mentre quelli moderni con il rayon, cotone, poliestere o altre stoffe sintetiche, ma la seta comunque resta il tessuto più adatto a questo abbigliamento e le fantasie variano di stagione in stagione.

PARTI DEL KIMONO:

Il kimono è composto da varie parti, quello da donne è estremamente complesso ed è formato da prima da delle parti principali e poi da quelle formali che riflettono l’età della persona, il suo stato civile e la formalità dell’occasione.

Parti principali universali:

Doura: la federa esterna
Eri: il colletto
Fuki: l’orlo principale
Furi: la parte della manica sotto il foro del braccio
Maemigoro: il pannello anteriore principale
Miyatsukuchi: l’apertura sotto la manica
Okumi: la parte interna del pannello anteriore principale
Sode: la manica
Sodeguchi: l’apertura della manica
Sodestuke: il foro del braccio
Susomawashi: la fodera interna
Tamoto: drappeggio della manica
Tomoeri: il sopra, il colletto
Uraeri: il colletto intorno
Ushiromigoro: la sezione principale posteriore

THE KIMONO

PART.2

The “kimono” is a traditional Japanese garment that wears a T shape, which unmarried women usually wear, the dress is divided into various parts and each component has its own history and its own custom:

Fuorisode: It is made of colored or solid silk, which literally means “Fluttering sleeves”: fluttering “Furi” and “Sode” sleeves. It is usually worn by unmarried women so that it “shows available” to marriage, in addition to this it can also be worn during the Tea Ceremony or weddings of close relatives. Usually the Fuorisode are very expensive which very often are rented for its high costs.

Obi: It is a typical Japanese “belt” that has many different styles and is worn to enlarge, embellish or even support clothes, it can also be worn with the kimono, the Hakama and the Yukata. For the kimono it has a function of holding united the dress as decoration and is mainly made of silk, the material with which all clothes are sewn.

Women’s:
these women’s sandals are often used for ceremonies such as weddings or funerals and are made of vinyl.

For men:
those for men are made with materials that resemble straw, such as polystyrene, with cork soles.

USE
They are used with traditional Japanese clothes, and are worn with special socks called tabi. There are several Zōri / sandals that are not used with the kimono, have a rush sole that resembles the material of tatami mats and are used with work clothes or with Western or casual clothes or even with typical Japanese clothing.

Other types of sandals are the Geta which are a hybrid between clogs and flip flops and are footwear with a wooden sole raised by two blocks held on the foot with two elastic bands that divide the big toe and the second toe. The wooden tablet is called Dai (support), the two fabric strings are called Hanao and the two blocks under the wooden sole are called Ha (Teeth) which are also made of wood that when they move make a particular noise called Karankoron.

Dai: It can be rectangular or oval which is more feminine, the color can vary from lacquered, natural or painted

Ha: This part can also vary and there may even be three tiles, or the Tengu-geta a single tile in the center.

Hanao: These laces can be of various materials and of various colors, the color printed in Japan is very common, it is a sandal that can easily resemble a flip-flop, these sandals are usually used by the Maiko, the apprentice Geishas, who usually wear Okobo, which are mainly their traditional sandals

FEATURES:
the kimono can be of various sizes and are adapted to the fabric, the kimono is mainly formed by the Tan which is a piece of fabric thirty-five centimeters long and eleven half meters long, for adults, unlike the sumo wrestlers who wore custom-made kimonos. The modern kimonos are sewn and painted / decorated by hand with some techniques in particular such as that of the Shibori created with the stencil, then there is the Yuzen which is a type of dye created with rice paste. In general they are created with silk or brocade, while the modern ones with rayon, cotton, polyester or other synthetic fabrics, but silk is still the most suitable fabric for this clothing and the patterns vary from season to season.

PARTS OF THE KIMONO

The kimono is composed of various parts, the women’s one is extremely complex and is made up of first of the main parts and then of the formal ones that reflect the age of the person, his marital status and the formality of the occasion.

Universal main parts:

Doura: the external pillowcase
Eri: the collar
Fuki: the main hem
Furi: the part of the sleeve under the arm hole
Maemigoro: the main front panel
Miyatsukuchi: the opening under the sleeve
Okumi: the inside of the main front panel
Sode: the sleeve
Sodeguchi: the opening of the sleeve
Sodestuke: the arm hole
Susomawashi: the inner lining
Tamoto: draping of the sleeve
Tomoeri: the top, the collar
Uraeri: the collar around
Ushiromigoro: the rear main section

(Fonte: Wikipedia)

Neovitruvian's Blog

Il mondo é governato da segni e simboli, non da leggi e frasi

The Putrescent Vein

Beneath the rot of the corrupted mind...

Wild heart, Gipsy soul

"Not all those who wander are lost"

Magik World

"Amor Vincit Omnia"

Il nascondiglio della strega

Tra magia e amore...

Biblica Gothica

- a guide to goth

Un punto di riferimento per Fanwriters e Scrittori!

Puoi fare qualsiasi cosa con la scrittura!

COOK&COMICS

cucina a fumetti!

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

wwayne

Just another WordPress.com site

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Ultimate Precure Orchestra!!

Blogging Precure, Singing Precure, Living Precure

Filmmaker's Life

Il blog italiano del mondo dei Filmmakers

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: