Il Giardino Zen


 

Questa è la prima parte della cultura giapponese che adoro i “Giardini”, in Giappone ci sono giardini che non sono legati strettamente alla coltivazione di piante, fiori o frutta, ma ben si il “giardino giapponese” viene creato apposta per riprodurre paesaggi, spesso in miniatura o altamente stilizzati che generalizzando, vengono chiamati “Giardini Zen”.

In Giappone gli imperatori creavano i giardini solo per ricreare il piacere estetico, mentre per i templi buddisti i giardini vengono creati per il pensiero filosofico, il principali stili giapponesi possono essere:

Karesansui: i giardini secchi
Roji: è un giardino rustico che viene circondato da una casa da te, nei quali all’interno si svolge la famosa cerimonia del tè, chiamata anche “Chan no Yu”
Kaiyu – Shiki – Teien: dopo si possono ripercorrere paesaggi già costruiti
Tsubo – Niwa: E’ un piccolo giardino ricavato dalle ale del palazzo

Per molti secoli i giardini giapponesi ebbero l’influenza dei giardini cinesi, ma dal periodo Heian i giapponesi cominciarono a sviluppare i loro stili sulla cultura e il livello giapponese. Durante il Periodo Edo il giardini caratterizzarono i loro aspetti più distinti, mentre in seguito si “modellarono” con le influenze occidentali.

STORIA
Origini: I giardini giapponesi sono nati sull’isola di Hunshu, un isola centrale del Giappone, caratterizzata dai paesaggi dalle cime vulcaniche, valli strette, ruscelli impetuosi, cascate, laghi ecc…e una grande quantità di alberi sempreverdi e caratterizzate da stagioni ben distinte: estati calde e umide e inverni nevosi.
I giardini giapponesi hanno radici nella religione del “Shintoismo” giapponese, con la creazione di ben otto isole, preistorici santuari shintoisti, i kami, con gli dei e gli spiriti che si trovano sulle spiagge e nelle foreste di tutte le isole. A volte vengono formati con delle rocce con pietre e ciottoli bianchi segnati da un filo in fibra di riso. I giardini giapponesi vengono spesso ispirati alla filosofia cinese del buddismo e induismo, alcuni s’ispirano agli otto immortali che vivono in armonia con la natura.

Giardini giapponesi nell’Antichità: I primi giardini giapponesi furono per la gioia degl’imperatori, dove vennero citati per la prima volta nel “Nihon Shoki”, che tradotto in italiano, sono “Gli annali del Giappone” che fu la prima cronaca della storia giapponese. Nel 612 l’imperatrice Suiko cominciò a costruire il suo primo giardino artificiale e durante il suo regno uno dei suoi ministri aveva costruito un proprio giardino, all’interno del suo palazzo, formato da piccole isole che rappresentavano gli Otto Immortali delle leggende cinesi e della filosofia taoista, quando infine il palazzo divenne proprietà degl’imperatori giapponesi venne chiamato “Il Palazzo delle Isole”.

(fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Giardino_giapponese)

“THE GARDEN ZEN

This is the first part of Japanese culture that I love the “Gardens”, in Japan there are gardens that are not strictly related to the cultivation of plants, flowers or fruit, but well the “Japanese garden” is created to reproduce landscapes, often in miniature or highly stylized that generalizing, they are called “Zen Gardens”.
In Japan the emperors created the gardens only to recreate the aesthetic pleasure, while for the Buddhist temples the gardens are created for philosophical thought, the main Japanese styles can be:

Karesansui: dry gardens
Roji: it is a rustic garden that is surrounded by a home from you, where the famous tea ceremony is held inside, also called “Chan no Yu”
Kaiyu – Shiki – Teien: afterwards you can retrace landscapes already built
Tsubo – Niwa: It is a small garden created from the wings of the palace

HISTORY
Origins: The Japanese gardens were born on the island of Hunshu, a central island of Japan, characterized by landscapes with volcanic peaks, narrow valleys, rushing streams, waterfalls, lakes, etc. … and a large amount of evergreen trees characterized by distinct seasons : hot and humid summers and snowy winters.
The Japanese gardens have roots in the Japanese “Shinto” religion, with the creation of eight islands, prehistoric Shinto shrines, kami, with gods and spirits found on the beaches and in the forests of all the islands. Sometimes they are formed with rocks with stones and white pebbles marked by a thread of rice fiber. Japanese gardens are often inspired by the Chinese philosophy of Buddhism and Hinduism, some inspired by the eight immortals who live in harmony with nature.

Japanese Gardens in Antiquity: The first Japanese gardens were for the joy of the emperors, where they were mentioned for the first time in the “Nihon Shoki”, which translated into Italian, are “The Annals of Japan” which was the first chronicle of history Japanese.
In 612 the empress Suiko began to build her first artificial garden and during her reign one of her ministers had built her own garden, inside her palace, formed by small islands that represented the Eight Immortals of Chinese legends and of the Taoist philosophy, when finally the palace became the property of the Japanese emperors was called “The Palace of the Islands”

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Pamela

Blogger, Scrittrice Interessi: musica, Arte, lettura, cinema, fumetti

Una risposta a “Il Giardino Zen”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Neovitruvian's Blog

Il mondo é governato da segni e simboli, non da leggi e frasi

The Putrescent Vein

Beneath the rot of the corrupted mind...

Wild heart, Gipsy soul

"Not all those who wander are lost"

Magik World

"Amor Vincit Omnia"

Il nascondiglio della strega

Tra magia e amore...

Biblica Gothica

- a guide to goth

Un punto di riferimento per Fanwriters e Scrittori!

Puoi fare qualsiasi cosa con la scrittura!

COOK&COMICS

cucina a fumetti!

Bruciami Dentro

Chi sono io? Sono solo una piccola donna che lotta ogni giorno contro i suoi demoni. A volte vincono loro e mi lasciano come un guscio vuoto, pronta ad essere nuovamente devastata. Altre volte invece sono io a vincere e allora vedo il sole anche se sta diluviando

wwayne

Just another WordPress.com site

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Ultimate Precure Orchestra!!

Blogging Precure, Singing Precure, Living Precure

Filmmaker's Life

Il blog italiano del mondo dei Filmmakers

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: